Disinfestazioni

Disinfestazione Zanzare

Segnali d’infestazione

Se sei spesso punto dentro casa, la soluzione migliore è installare le zanzariere alle finestre.
All’aperto, invece, la difesa è più complicata In quanto le zanzare hanno un’attività variabile durante il giorno e non tutte le specie sono attive contemporaneamente. Generalmente, le zanzare riposano durante il giorno, restando all’ombra nei giardini dove c’è dell’umidità, perché temono il caldo troppo forte che potrebbe asciugarle o ucciderle.

Esistono numerosi prodotti “fai da te” purtroppo non in grado di risolvere l’infestazione definitivamente. Adoperare un insetticida può risultare dannoso per la persona e l’ambiente circostante, oltre ad essere il più delle volte insufficiente ad eliminare il problema. Per liberarsene efficacemente e prevenirne il ritorno è necessario richiedere l’intervento di professionisti.

In Advance System ci occupiamo di disinfestazione per privati, aziende e strutture da più di un decennio, utilizziamo una varietà di prodotti specifici, sicuri e certificati, studiati appositamente per la disinfestazione professionale di qualsiasi tipologia di insetto.


Contattaci subito per eliminare definitivamente il problema, analizzeremo insieme la situazione e troveremo la soluzione più adeguata in tempi brevissimi!

Recensioni Google 5 Stelle

La specie

Appartengono all’ordine dei Ditteri (insetti con un solo paio d’ali), anche chiamate Culicidi e sono esistenti su tutto il pianeta. In alcune zone subartiche non è possibile permanere senza proteggersi il capo con un velo a causa del numero enorme di tali insetti. Essi sono noti sia come semplici succhiatori di sangue, sia come trasmettitori di parassiti, tanto da renderle i Ditteri la specie più studiata in tutto il mondo. Sono presenti più di 3000 specie, costituiscono il gruppo più numeroso e gli si attribuisce una posizione di primaria importanza sotto l’aspetto medico-sanitario. Le zanzare hanno un corpo allungato, esile e delicato, di piccole-medie dimensioni, in genere lungo dai 3 ai 9mm. Le antenne sono relativamente lunghe, solo le femmine della specie dispongono di un apparato boccale pungente-succhiante.
Tutte le larve di zanzara sono acquatiche e, quindi, si trovano all’inizio della catena alimentare e possono essere utilizzate come cibo per altri animali, come larve di libellula, pesci o rane. La femmina di zanzara può deporre fino a 300 uova.

ZANZARE PIU’ DIFFUSE:

  1. Le CULEX sono zanzare di tipo stanziale, non si allontanano molto dal luogo in cui vivono e depongono le uova. È la nostra zanzara comune. La loro puntura è dolorosa e sono più attive all’alba e durante il crepuscolo.
  2. Le ANOPHELES purtroppo note per la loro capacità di diffondere la malaria, sono zanzare anch’esse piuttosto stanziali. Sono attive principalmente nelle ore notturne dal crepuscolo all’alba.
  3. Le AEDES sono le più temibili. Fanno parte di questa specie la famigerata zanzara tigre e l’ultima arrivata la “zanzara coreana”. Sono particolarmente aggressive, possono percorre grandi distanze e sono attive durante tutto l’arco del giorno con una maggiore intensificazione dell’attività all’alba e al tramonto. Anche la puntura della Aedes è molto dolorosa.

Problematiche per l’uomo

Quando punge, l’insetto inietta saliva che contiene diverse proteine, con proprietà anestetiche, anticoagulanti ma soprattutto irritanti. Una buona regole è quella di non grattare la puntura perché con le dita che non sono pulite, reintroduciamo la sporcizia nella ferita. Può essere utile applicare la saliva o l’aceto sul punto di puntura oppure utilizzare i cubetti di ghiaccio per alleviare il desiderio di grattarsi.
Esistono molte specie e famiglie di questo insetto, alcune delle quali, soprattutto diffuse in climi tropicali, possono veicolare malattie anche molto gravi.
Grazie ai sensilli percepiscono le vibrazioni mentre i cambiamenti di pressione con i recettori antennali; con gli ocelli, i loro “occhi”, vedono le radiazioni infrarosse prodotte dal nostro corpo, sentendo l’anidride carbonica che emettiamo e colgono il nostro odore anche a distanza di 70 metri. Per colpire il bersaglio mettono in azione i ricettori del calore e dell’umidità.